Sbiancamento professionale dei denti – Un motivo in più per sorridere!

Sbiancamento professionale dei denti – Un motivo in più per sorridere!
0 20 marzo 2017

Da tempo sogni un sorriso smagliante? Presso lo studio della Dott.ssa Marina Iaquaniello avete la possibilità di ottenere risultati ottimali in un’unica seduta grazie a Zoom! Whitespeed, sistema di sbiancamento professionale di nuova generazione targato Philips, che offre trattamenti personalizzati e sicuri per ciascun paziente.

Lo sbiancamento dentale è una procedura odontoiatrica che permette di migliorare il colore dei denti, rendendoli più bianchi. A questo primo tipo di sbiancamento, cosiddetto “cosmetico”, si affiancano altri tipi di sbiancamenti utili per risolvere discromie dentali, anche severe, dovute a patologie sistemiche (per esempio la fluorosi, disordini ematici, etc) oppure agli esiti di terapie con alcuni tipi di antibiotici (ad esempio, le tetracicline). I prodotti che vengono utilizzati a tal fine contengono principalmente perossido di idrogeno e perossido di carbammide, impiegati in varie concentrazioni a seconda della tecnica che si intende utilizzare e delle esigenze del paziente.

Lo sbiancamento funziona grazie alla liberazione di ossigeno da parte del perossido di idrogeno o di carbammide nel momento in cui viene posto a contatto con i denti. Queste molecole di ossigeno vanno a disgregare le molecole dei pigmenti responsabili della discromia, e dunque rendendole non più visibili. Lo sbiancamento dentale agisce solo sui denti naturali, non agisce su corone protesiche, otturazioni o qualsiasi altro materiale da restauro presente nel cavo orale. Dopo il trattamento sbiancante, eventuali corone protesiche od otturazioni potranno essere maggiormente visibili in quanto non più adeguate al nuovo colore raggiunto dai denti naturali. In tal caso potranno essere sostituite con altre dello stesso colore dei denti sbiancati.

COSA AVVIENE DURANTE LA SEDUTA DI SBIANCAMENTO?

La seduta in studio comprende: igiene, lucidatura, sbiancamento, applicazione fluoro (per desensibilizzare).

L’ elemento più importante del sistema Philips Zoom è la lampada Whitespeed utilizzata in combinazione con un gel sbiancante con perossido di idrogeno al 25%. L’effetto del gel è potenziato notevolmente dalla reazione foto-Fenton. Già dopo la prima seduta, grazie a Philips Zoom, i denti possono essere schiariti fino a 8 tonalità!

Whitespeed rappresenta l’evoluzione della consolidata esperienza delle lampade per sbiancamento Zoom che da oltre 10 anni raccolgono ampi consensi sia tra i professionisti sia tra i pazienti. Questo sistema, inoltre, riduce notevolmente la sensibilità perché la luce Led non surriscalda il dente assicurando al paziente il miglior comfort possibile. Il 50 % dei pazienti, dopo il trattamento, riporta una tonalità pari a VITA B1 o addirittura più chiara. Rispetto a un trattamento di sbiancamento senza lampada UV, anche dopo 30 giorni i denti risultano il 42% più bianchi.

Il gel Philips Zoom agisce grazie alla reazione foto-Fenton di perossido e ferro. La componente perossidica reagisce con il ferro generando radicali idrossilici, i cosiddetti “agenti sbiancanti”. La fotosintesi favorisce il rinnovo continuo del ferro reattivo, la produzione costante di radicali idrossilici, migliorando notevolmente il processo di sbiancamento.

CI SONO EFFETTI COLLATERALI?

La sensibilità dovuta allo sbiancamento dentale può essere attenuata con l’applicazione topica di fluoro o di nitrato di potassio (i principi attivi dei desensibilizzanti che possono essere forniti dal dentista), utilizzando dentifrici desensibilizzanti ed evitando di assumere:

  • cibi troppo caldi o troppo freddi;
  • cibi o bevande ipertoniche (per esempio bibite molto zuccherate);
  • cibi o bevande eccessivamente acidi (bibite gasate, succhi di frutta, yogurt ecc).

Può verificarsi anche una temporanea infiammazione delle gengive dovuta al contatto con l’agente sbiancante (ustione chimica). La sensazione che si può provare è simile al bruciore e le zone interessate possono anche apparire biancastre. La cosa non deve assolutamente preoccupare, si risolverà spontaneamente in poche ore.

Un altro effetto collaterale, che si può verificare quasi esclusivamente nei denti devitalizzati, è il riassorbimento radicolare. Questa evenienza è molto rara, soprattutto se la tecnica di sbiancamento viene eseguita correttamente.

SBIANCAMENTO A CASA? MEGLIO EVITARE

Non esagerare con i trattamenti sbiancanti fai da te e domiciliari perché a lungo andare possono danneggiare i denti e risultare nocivi per l’organismo (ad esempio in caso di ingestione del gel utilizzato).

Per prenotare la tua seduta di sbiancamento e dare nuovamente vita al tuo sorriso contatta lo studio della Dott.ssa Marina Iaquaniello in viale Roma 7 a Velletri  chiamando il numero 06 963 00 03

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

comments

Posted in Notizie Blog by Marina Iaquaniello | Tags:

Leave a Comment